• PER CERCARE NEL SITO

  • IL METEO DI OGGI

Il contributo a fondo perduto

Il contributo può essere erogato a soggetti (individuali e collettivi) titolari di partita IVA che:

  • esercitino attività di impresa con ricavi) fino a 5 milioni di euro nel 2019 (compresi gli enti non commerciali in relazione alle attività commerciali svolte);
     
  • esercitino attività di lavoro autonomo con compensi (art. 54, c. 1, TUIR) fino a 5 milioni di euro nel 2019;
     
  • siano titolari di reddito agrario 

 I soggetti iscritti  alla Assicurazione generale obbligatoria (AGO) (artigiani, commercianti, coltivatori diretti e imprenditori agricoli) riceveranno sia l’indennità del mese di aprile sia il contributo a fondo perduto.

Sono esclusi:

  • i soggetti la cui attività risulti cessata alla data di presentazione dell’istanza per l’ottenimento del contributo;
     
  • gli enti pubblici (art. 74, c. 2, TUIR);
     
  • intermediari finanziari (art. 162-bis, c. 1, lettera a, TUIR);
     
  • società di partecipazioni finanziarie e non finanziarie (art. 162-bis, c. 1, lettere b-c, TUIR);
  • liberi professionisti titolari di partita IVA attiva al 23.02.2020 e lavoratori co.co.co. iscritti alla Gestione separata INPS (indennità art. 27);
  • lavoratori dello spettacolo (indennità art. 38).
     
  • lavoratori dipendenti e professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.

Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che:

l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 di quello di aprile 2019 (es: aprile 2019 € 10.000,00/3×2= 6.666  se aprile 2020  il fatturato sarà  € 6.000 prenderà il fondo perduto se invece sarà € 7000,00 non prenderà nulla) 

Il contributo a fondo perduto spetta anche in assenza dei requisiti di cui al punto precedente ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 01.01.2019;

 Per questi soggetti, pertanto, il contributo a fondo perduto spetta anche se, ad esempio, l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 fosse addirittura superiore a quello di aprile 2019. In assenza della possibilità di effettuare il rapporto tra i ricavi (ad es. costituzione dopo il30.04.2020) spetterà il contributo minimo di cui si dirà più avanti non essendo prevista per questi soggetti una diversa modalità di calcolo.

L’ammontare del contributo a fondo perduto si determina calcolando preliminarmente la differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2019 e quello di aprile 2020.

A detta differenza dovranno essere applicate le seguenti percentuali in base all’ammontare di ricavi o compensi del periodo d’imposta precedente a quello in corso alla data del 19.05.2020 (data di entrata in vigore del decreto), quindi il 2019 per i soggetti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare:

  • 20% se i ricavi o compensi sono stati <= ad euro 400.000;
     
  • 15% se i ricavi o compensi sono stati > di euro 400.000 e <= ad euro 1.000.000;
     
  • 10% se i ricavi o compensi sono stati > di euro 1.000.000 e<= ad euro 5.000.000

Viene comunque riconosciuto un contributo a fondo perduto minimo fino 1.000 euro alle persone fisiche e fino a 2.000 euro ai soggetti diversi dalle persone fisiche.

Per ottenere il contributo a fondo perduto occorre presentare un’istanza con l’indicazione della sussistenza delle condizioni e dei requisiti previsti, le cui modalità di effettuazione, il suo contenuto e i termini di presentazione saranno definiti da un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate che  fisserà la data di avvio della procedura telematica per la presentazione dell’istanza.

Giovanna Greco

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • “Dark Wings”, di @krishaskies, presente nella Lista di Prima Selezione dei Premi Wattys IT 2018. Leggi gratuitamente!